martedì 27 gennaio 2015

Il Sabba


Tradizionalmente il Sabbah o Sabbath è un incontro fra streghe, si ritiene che avvenisse di notte, per lo più con la Luna piena. Attualmente la parola Sabbath indica le Otto feste dell'anno liturgico wicca, neopagano e neoceltico, ovvero le 4 feste della Terra e le 4 Feste del Sole. A questi otto incontri e celebrazioni si aggiungono 13 Esbatts, legati al ciclo lunare. Le confessioni estorte alle presunte streghe con la tortura hanno gettato non poca confusione sulle pratiche magiche e, più di tutto sul Sabba stesso, a partire dallo scopo di tale riunione, sicuramente un punto di partenza per fare ordine e luce è partire dal significato di questa parola, la sua origine, così da andare anche all'origine della pratica.

Etimologia:

Secondo Wikipedia "Sabba" deriva da

La parola Sabbat nasce dalla stessa radice della parola ebraica Shabbath, nell'inglese arcaico "sabat", francese arcaico "sabbat", dal latino "sabbatum", e il greco "sabbaton" (o sa'baton), che divenne l'ebraico "Shabbat", con il significato di cessare inteso come smettere di compiere determinate azioni...
Il termine fu usato durante la persecuzione delle streghe supponendo che fosse il giorno dedicato all'adorazione satanica ed agli incantesimi demoniaci delle streghe; questi raduni sono stati rinominati, più recentemente, con Sinagoghe di Satana. Infatti al tempo delle prime persecuzioni ebraiche si cercava di assimilare gli ebrei adadoratori di satana, ed è in questo periodo che molti termini ebraici vennero adattati alla descrizione delle attività stregonesche.

Cercando ancora su internet ho trovato che il termine ra usato in senso dispregiativo, perché era praticato al tramonto del sabato che, in ebrai si dice apunto "shabath"

Possiamo dunque dire che la parola Sabbat indica in ogni caso l'interruzione delle comuni attività per la celebrazione del sacro. Ovviamente secondo la parte di steccato occupata dal pronunciate la parola assumeva un significato serio oppure denigratorio.
In ogni caso è innegabile che già nel Medioevo si indicasse con "Sabba" l'incontro delle streghe nel bosco.

Ma cosa avveniva? 

Secondo gli inquisitori accadeva sempre la stessa cosa: incontri con il diavolo.
Nella realtà i Sabba erano celebrazioni segrete delle antiche feste e variavano secondo la religione di origine. Poiché, però, il sole è uno solo e così le sue fasi son sempre le stesse, in linea di massima si svolgevano in modi simili e in periodi simili.

La notte e il Sabba

Sempre secondo la tradizione il Sabba dovrebbe svolgersi di notte ma perché se questo è una festa della Terra o del Sole?

Be, sicuramente dopo che le celbrazioni furono vietate dalla nascente chiesa romana gli incontri clandestini furono concordati necessariamente di notte ma questo non era l'unico motivo.
Presso i celti, ad esempio, le celbrazioni della maggior parte delle feste cominciavano al tramonto perché, secondo questo popolo il giorno cominciava appunto al tramonto e non all'alba come invece era presso i Romani e i Greci.
Il motivo è molto semplice.
Secondo i Celti così come il bimbo si forma nell'oscurità e il mistero dell'utero così il sole, la Luce cominciava ad esistere necessariamente nell'oscurità.
Per cui i festeggiamenti per Beltane, Yule, Imbolc ecc. cominciavano al tramonto e si protraevano per i giorni convenuti.
Quando le celbrazioni furono vietate, i fedeli continuarono la celebrazione sotto il nome di "sabbath" solo di notte, rinunciando al prosieguo delle celebrazioni diurne.

Il Sabba oggi:

La parola appare per la prima volta negli scritti di Margaret Murray, che dette origine all'osservanza delle feste religiose nella tradizione wiccan, dividendo le festività maggiori inSabbat ed Esbat.